papercigno

L’eco del PaperCigno

Il nostro blog
corn-paper

A tutto pasto con il Prosecco Rosè

Anno 2021 nr 3

PaperCigno Goloso

Cari Amici wine lovers,

il Papercigno mette su peso per voi…

Assaggia e riassaggia, prova e riprova, ha finalmente trovato un connubio goloso.

Ha scelto per Voi, per iniziare il pranzo, un antipasto di Baccalà Mantecato accompagnato dal suo Prosecco Doc Rosè Millesimato Brut.

Ma non è tutto, con le sue conoscenze è riuscito anche a recuperare l’originale ricetta del Baccalà Mantecato proposta da Marco, contitolare e chef del ristorante Cà del Poggio, “dove il Prosecco incontra il mare”,  potrete così realizzare il piatto anche a casa vostra, oppure perchè no … ordinarlo direttamente allo staff di Cà del Poggio.

 📞 0438 486111
  320 6907655

Segue la ricetta per quattro persone.
Ingredienti:

  • 300 gr di polpa di baccalà norvegese ammollato con la sua pelle
  • 150 ml di olio EVO
  • 150 ml di olio di semi di girasole
  • ½ limone
  • 1 foglia d’alloro
  • Sale q.b.

Preparazione:

Iniziamo mettendo una pentola con i bordi alti il baccalà, il limone, l’alloro e un pugnetto di sale e copriamo completamente con acqua fredda; portiamo tutto sul fuoco e facciamo bollire per 15 minuti.
Una volta cotto lo lasciamo riposare 15 minuti a fuoco spento e poi scoliamo ricordandoci di tenere da parte un bicchiere di acqua di cottura dello stoccafisso.
Portiamo il pesce in una ciotola capiente e cominciamo a frullarlo aggiungendo un pizzico di sale, a filo l’olio d’oliva e l’olio di girasole; se risulta ancora scomposto aggiustare con qualche cucchiaio di acqua di cottura. Il baccalà sarà mantecato correttamente quando il composto non risulta più grumoso ma neanche troppo cremoso.
Serviamo con dei crostini caldi e croccanti!

Il PaperCigno si farà risentire per un proseguo del Prosecco Rosè a tutto pasto

Ops… dimenticavo, gnam gnam… Buon appetito!!

 

El pese ga da noare tre volte: prima ‘nte l’acqua,
dopo ‘nte l’ajo e la tersa ‘nt’el vin

Il pesce deve nuotare tre volte: prima nell’acqua,
poi nel aglio e la terza volta nel vino

Proverbio veneziano